Rocca di Sassi
E' Posta a Sud-Ovest di Castelnuovo Garfagnana su un suggestivo rilievo di roccia a precipizio sulla valle del torrente Turrite secca, in un luogo inaccessibile ideale per la difesa. Ai piedi della rocca è collocato il piccolo borgo abitato di Sassi di Sopra. La fortificazione fa parte di un più vasto ed articolato complesso, in parte distrutto, comprendente la Chiesa medioevale di San Frediano, il cimitero e i ruderi di un torrione posto sul crinale in direzione di Castelnuovo.
Il presidio è di piccole dimensioni, ma ricopre rilevante importanza strategica sia per la difficile accessibilità, che per la posizione di controllo della valle del torrente Turrite e dell'alta e media valle del Serchio. E' formato da una cinta muraria in pietre squadrate e ciottoli di fiume che si sviluppa attorno alla chiesa e il cimitero. Un torrione cilindrico è a guardia della parte più facilmente attaccabile: il versante in corrispondenza del paese di Eglio, l'altro, ormai ridotto a rudere, controllava il versante verso il paese. L'ingresso principale, munito di corpo di guardia, era dislocato in corrispondenza dell'attuale accesso al cimitero; le trasformazioni del complesso avvenute nel passato e la più recente introduzione dell'area cimiteriale hanno modificato in maniera consistente l'organismo edilizio.

Dove

Via per Sassi Sopra, 4, 55020 Molazzana LU

Stato di conservazione

A partire dall'inizio del XX secolo una porzione del complesso costituente la rocca fu adibita a cimitero, alcuni edifici e corpi annessi furono demoliti, altri abbandonati. Parte dei terreni erano già stati precedentemente ceduti a privati ed utilizzati come campi da coltivare. Alcuni interventi di ripulitura dalla vegetazione infestante hanno consentito di riportare in vista il torrione sul lato ovest del complesso monumentale. Recentemente, a cura dell'Amministrazione Comunale, sono state effettuate opere di restauro e consolidamento del campanile della chiesa di San Frediano.

Notizie Storiche

L'antica struttura medievale, la cui consistenza reale è difficile da stimare, fu demolita nel 1370 in seguito alle guerre scoppiate in quell'anno quando gli eredi di Castruccio Anteminelli tentarono di riconquistare i territori guelfi che erano stati sottoposti a Lucca. Quando i Sassi, come la stragrande maggioranza delle comunità della Garfagnana, entrarono a far parte dei domini del Duca d'Este, il forte fu ricostruito e ampliato, trovandosi proprio accanto al confine con la Repubblica di Lucca e il vicino Gallicano, Perpoli e Fiattone possedimenti; Divenne così, insieme a Trassilico e Ceserana, una delle guarnigioni a guardia della frontiera meridionale. Inoltre, la sua vicinanza a Castelnuovo, capoluogo della provincia della Garfagnana ed esposta alle incursioni da Lucca perché aveva solo una vecchia cerchia di mura costruita da Castruccio per difenderla, fece di Sassi il rifugio ideale per gli abitanti della città in caso di assedio. I Duca d'Este hanno mantenuto qui una guarnigione, abbastanza modesta per dire la verità, come dimostra un elenco delle forniture e delle armi per l'anno 1488. Durante l'invasione fiorentina della Garfagnana nel 1512 la rocca fu assediata e presa dai mercenari pagati dalla Repubblica di Lucca nel tentativo di sfruttare la debolezza dei duchi d'Este, coinvolti come erano in una guerra contro il papa Leone X del Famiglia dei Medici; tuttavia, non appena l'esito della guerra divenne chiaro, il forte fu restituito ai legittimi proprietari. Con l'inizio del XVI secolo iniziò l'inesorabile declino della rocca: fu abbandonato e nel 1537 il duca Ercole lo concesse ad uno dei suoi sudditi, Jacopo di Mariano dei Sassi, in riconoscimento del coraggio dimostrato dal padre durante l'assedio di Le truppe di Lucca nel 1512, a condizione che, se fosse sorta la necessità, potesse sempre usarlo per proteggere gli uomini e immagazzinare provviste. Di conseguenza la struttura cominciò a decadere progressivamente e sappiamo che entro la prima metà del diciassettesimo secolo aveva perso tutte le funzioni militari e difensive e le sue basi erano state semplicemente convertite in campi. Dopo il crollo del campanile, originariamente incorporato nella chiesa, all'inizio del XVIII secolo ne fu costruito uno nuovo non molto più lontano.

Informazioni

Fondazione: Medioevo
Frazione / Località: Molazzana, località Sassi
Comprensorio: Garfagnana

Ospitalità e Accoglienza...