Rocca di Villa Basilica
Piccolo comune (meno di 2000 abitanti) nella valle della Pescia Minore, Villa Basilica si affaccia su un panorama davvero unico, delimitato dalle montagne su cui sono incastonati borghi medievali e paesi fortificati, ammirato, secondo la leggenda, persino dall'imperatore Carlo V. Difesa su due lati da un precipizio naturale, la rocca, di incerta datazione, si dispone nei pressi di un'antica mulattiera selciata che portava in Pizzorna, vicino alla località San Paolo, un toponimo già attestato nel secolo VIII. La rocca di Villa Basilica ha una forma simile a una losanga e i suoi resti mostrano che essa era costituita da un torrione, la cui base ricorda quello della fortezza di Montecarlo e da una torretta secondaria, in posizione opposta, dotata di una porta di accesso poi tamponata.

Stato di conservazione

La rocca mantiene in piedi tratti delle mura e parte del torrione. Negli ultimi anni è stata effettuata una campagna di scavi, che ha riportato alla luce alcuni reperti di origine militare (punte di frecce e dardi da balestra, piastre di armatura e ceramiche lucchesi). La rocca di Villa Basilica dal 2006 è stata al centro di un impegnativo intervento di restauro. 

Notizie Storiche

Lo scavo ha indicato nello scorcio finale del Duecento il momento di fondazione della struttura castellana; è dunque plausibile che la fondazione sia stata disposta dal Comune di Lucca in seguito all’acquisizione dei distretti della Valdinievole amministrati, fino alla morte di Federico II, dall’autorità imperiale di San Miniato.
Nel corso del Trecento, come indicano anche i ricchi apporti documentari – in particolare un inventario steso al passaggio delle consegne fra castellani nel 1395 – la rocca di Villa Basilica svolge un ruolo significativo nella catena di strutture fortificate tracciata da Lucca per proteggere la frontiera con il minaccioso Stato di Firenze. Le dotazioni del castello emergono concordemente dalle fonti scritte (che propongono un recinto castellano dotato di una torre, di un arsenale - ‘tersanaia’ - con un forno e un mulino, oltre alle strutture residenziali per il castellano e i ‘sergenti) e da quelle documentarie, in particolare con la cisterna messa in luce dallo scavo, restaurata o costruita nel 1353 da un mastro muratore lucchese, Nicolozzo di Andreuccio.
L’armamento della guarnigione era integrato da una bombarda, minuziosamente descritta nel citato atto.
Il poderoso torrione circolare che forma il vertice meridionale della rocca appartiene, verosimilmente, ad un rinnovamento del complesso dopo il recupero di Villa Basilica allo Stato lucchese, seguito alla breve occupazione fiorentina (1442). Costruito copn materiale di recupero da strutture medievali, può essere messo in relazione con le stratificazioni che dimostrano un consistente intervento, nell’area castrellana, intorno al 1450-1470.

Informazioni

Sede / Indirizzo: Strada Provinciale 35, Villa Basilica
Telefono: 0572 46161
Fondazione: XII-XIII secolo
Frazione / Località: Villa Basilica
Comprensorio: Piana di Lucca
  

Ospitalità e Accoglienza...