Villa Paolina
L'architettura del palazzo si sviluppa su due piani, distinguendosi per la possente volumetria architettonica che occupa l'intero isolato compreso tra le vie IV novembre, ad est, Paolina, ad ovest, via dell'Olio, a nord, e via Machiavelli, a sud, dove si affaccia il prospetto principale.
Nel 1822, per conto della principessa Paolina, il maestro di musica Giovanni Pacini richiede a Maria Luisa, duchessa di Lucca, "braccia 220 quadrate di spiaggia nuda all'estremità di Viareggio dalla parte di Settentrione e Ponente" per costruire un palazzo con giardino.
Autore del progetto della villa Paolina è Giovanni Lazzarini, architetto del Principato napoleonico. Alla prima fase di realizzazione (1822-1824) corrisponde il volume principale di forma cubica. Il passaggio di proprietà alla sorella di Paolina, Carolina Murat, comporta l'aggiunta di un corpo che raddoppia l'estensione della villa.
Si deve a Vittorio Papanti, proprietario dell'edificio dal 1858 al 1870, un'ulteriore trasformazione del palazzo alla quale corrisponde un complessivo rinnovamento. A lui si deve la chiusura della loggia verso il giardino, con la successiva sopraelevazione del fronte che viene a collegare le due ali, conferendo all'edificio l'attuale impianto compatto, lasciando a cielo aperto soltanto l'atrio centrale
Acquistato nel 1870 dal Real Collegio di Lucca, il Palazzo, trasformato in convitto viene ulteriormente ampliato su progetto dell'ingegnere Vincenzo Paoli.
La villa è attualmente sede dei Civici Musei di Villa Paolina.

Dove

Via Machiavelli, 2, 55049 Viareggio LU

Notizie storico critiche

La costruzione della villa di Viareggio è connessa all'amicizia della principessa Paolina con il musicista Giovanni Pacini. La villa viene costruita sulla riva del mare, ai margini della città . Nel 1822 vengono assegnati alla principessa i lotti per la costruzione di un palazzo con giardini e la porzione di spiaggia di fronte al palazzo per "potere fare un viale e avere sempre libera la visuale".
L'edificio di proprietà comunale, attualmente oggetto di un restauro conservativo, è sede del museo archeologico "C. A. Blanc" e della Pinacoteca "L. Viani".
(fonte: Alessandra Belluomini Pucci).

Bibliografia

  • GIUSTI MARIA ADRIANA, Villa Paolina a Viareggio e le dimore napoleoniche nel principato di Lucca, M. Pacini Fazzi editore, Lucca 1996.
  • BORELLA G., Rinascita di un palazzo, in G. Bruno, E. Dei, Ai confini della mente. La follia nell'opera di Lorenzo Viani, Maschietto&Musolino, Pontedera 2001.

Informazioni

Comprensorio: Versilia
Datazione edificio: 1822-24
Frazione / Località: Viareggio
Fax: 0584 961076
  

Ospitalità e Accoglienza...